Sting & Shaggy, rock e reggae, fanno il tutto esaurito allo Starlite Festival

Chi lo avrebbe mai detto che un giorno Sting e Shaggy, rock e reggae, avrebbero suonato insieme? E che avrebbero fatto registrare il tutto esaurito allo Starlite Festival?

Sting e Shaggy sono in turnè estiva per presentare il loro primo album insieme, chiamato 44/876 (il prefisso telefonico inglese unito a quello giamaicano) e non poteva mancare una “tappa” a Marbella.

Englishman in New York è stata la canzone scelta per iniziare un concerto di quasi due ore di durata, seguita appunto da 44/876 e poi Magic, Love is the 7th wave, If you can’t find love fino a Message in a bottle, canzone che ha finalmente fatto alzare in piedi il pubblico che fino a quel momento non si era scollato dalla sedia.

La sincronia tra i due artisti è stata pressocchè perfetta: Sting, nonostante non sia piè certo un giovanotto, è tutt’ora in piena forma e Shaggy ha saputo essere un ottimo istrione sul palcoscenico: da ricordare le esibizioni sulle note di Angel, Dreaming in the USA e Crooked Tree.

Il meglio però è arrivato alla fine con un insolito e geniale mix tra la superhit di Shaggy Boombastic e Roxanne. La ciliegina sulla torta è stata la versione acustica di Fragile, una delle canzoni di Sting che non smette mai di emozionare.

Otros artículos

DEJA UNA RESPUESTA

Por favor ingrese su comentario!
Por favor ingrese su nombre aquí

Este sitio usa Akismet para reducir el spam. Aprende cómo se procesan los datos de tus comentarios.

Últimos artículos