Gli esperti immobiliari indicano una moderazione nel ritmo delle vendite sulla Costa del Sol

Le vendite immobiliari a Marbella e la sua area di influenza, conosciuta come il Triangolo d’oro che comprende Estepona e Benahavís, si sono stabilizzate dopo otto anni di crescita sostenuta. Tuttavia, una serie di fattori come l’eccesso di offerta focalizzata sullo stesso profilo di acquirente, l’incertezza generata dal Brexit o il rallentamento dell’economia globale portano gli esperti a prevedere un rallentamento del ritmo delle vendite e dei prezzi nei prossimi mesi. Il rapporto sul mercato immobiliare della Costa del Sol preparato da Diana Morales Properties | Knight Frank, una delle agenzie più prestigiose della zona, sottolinea la necessità di tenere conto di questi segnali e incoraggia tutti gli attori del settore ” continuare a lavorare sodo per livellare i vari fattori “.

Nonostante il boom di Estepona o Benahavís, Marbella continua a guidare le operazioni di vendita, ed è una delle città di riferimento nazionale a causa della stretta relazione della sua economia con la situazione nell’Unione europea. Agli investimenti con stabilità politica che non si trovano in Catalogna, si aggiungono gli incentivi come il recente bonus della tassa di successione e donazione adottata dal governo andaluso.

Nel contesto internazionale, l’incertezza sulla Brexit continua a scacciare gli acquirenti dal Regno Unito. Sebbene restino la maggioranza di nazionalità sia in Spagna che a Marbella, rappresentano il 15% delle vendite rispetto al 21% di alcuni anni fa. Questo calo è stato compensato da un aumento del mercato interno e, in particolare, dall’aumento degli acquirenti da Norvegia, Belgio, Svezia, Olanda, Francia o persino paesi arabi. Tutte regioni con una solida crescita economica, che vedono una destinazione conveniente nella Costa del Sol. Infatti, la Settimana Santa è uno dei periodi utilizzati dai potenziali acquirenti per visitare e conoscere le acquisizioni future.

Tuttavia, l’aggiustamento delle previsioni di crescita di queste economie per il biennio 2019-2020 al di sotto del 2%, nonché la minore attività dei fondi di investimento europei e nordamericani, fa pensare ad un raffreddamento degli investimenti nelle grandi fortune nel prossimo futuro. Lo studio sottolinea anche la pressione che gli sviluppatori soffrono per compensare i benefici dopo l’aumento dei costi di costruzione e di terreni, che si traduce in un aumento del prezzo delle proprietà.

Per questo motivo, la relazione sul mercato immobiliare di Diana Morales Properties | Knight Frank ritiene che questi segnali dovrebbero portare a una “diminuzione dei prezzi dei terreni e dei costi di costruzione, con la conseguente moderazione dei prezzi delle abitazioni a causa della perdita di dinamismo nel mercato e la risoluzione dell’impasse prodotta dal Brexit. “. Secondo le sue stime, il segmento di lusso resiste meglio e mantiene i suoi obiettivi di vendita.

Benahavís, Estepona, Ojén e Mijas, anche Casares o Manilva, hanno assorbito gran parte dello sviluppo immobiliare negli ultimi cinque anni a causa della mancanza di uno strumento di pianificazione a Marbella, dove i prezzi sono aumentati fino al 7%. Tuttavia, un “raffreddamento graduale degli interessi” è già stato rilevato in questi comuni a causa dell’aumento dei prezzi.

Lo studio delle proprietà di Diana Morales | Knight Frank rileva anche due fenomeni sorprendenti. Da un lato, la scarsità di nuovi progetti a Marbella, derivava proprio dalla mancanza di terreni disponibili e dall’urbanistica. In questo modo, e in assenza di offerta, il Golden Mile mantiene il suo status di sito più esclusivo della città, con prezzi fino a 20.000 euro al metro quadro sul lungomare. Le zone storiche come Sierra Blanca o Guadalmina mantengono ancora il loro prestigio rispetto al boom di aree come Estepona o Cala de Mijas, dove c’è più disponibilità di terra e maggiore velocità burocratica. Allo stesso modo, si verifica una scarsa varietà di offerta, dato che buona parte dei progetti immobiliari degli ultimi anni sono simili per stile, servizi e prezzi e si concentrano sullo stesso profilo di acquirente. Un eccesso di offerta che contribuisce alla decelerazione, soprattutto nel mercato medio e basso.

Nuovi stili abitativi
Il rapporto afferma che la maggior parte degli acquirenti a Marbella non ha bisogno di un mutuo. Il segmento di età tra 35-44 anni rimane il più attivo nella ricerca di proprietà, confermando il ringiovanimento degli acquirenti, seguito da coloro che sono tra i 45-54 anni.

La domanda si concentra su immobili in stile moderno di nuova costruzione e aumenta l’interesse per le promozioni offerte dai comfort e dagli spazi aperti di una villa in un appartamento.

Si nota anche un cambiamento estetico dal bianco minimalista degli ultimi anni verso una fusione di stile classico-contemporaneo. I futuri acquirenti apprezzano anche la costruzione “ecologica”, rispettosa dell’ambiente. Le proprietà di seconda mano da riformare mantengono vivo l’interesse degli acquirenti, in particolare a Marbella, nel Golden Mile e in Nueva Andalucia. Una formula che consente di combinare la posizione migliore con le ultime tendenze in materia di attrezzature, qualità e design.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.