Ristrutturare casa: preoccupazione o soddisfazione?

A molti di voi sará capitato di pensare se convenga ristrutturare completamente casa o comperare un appartamento nuovo e spesso si tende a valutare il nuovo per evitare gli sforzi e le fatiche di una ristrutturazione integrale.

Tuttavia, specialmente da queste parti, si è mal consigliati e gli appartamenti vecchi hanno diversi vantaggi rispetto ai nuovi, che possono venire esaltati se si realizza una buona ristrutturazione, che non necessariamente deve essere integrale.

Puó bastare poco per ridare vita ad un appartamento antico, mentre a volte gli interventi sono piú profondi, ma anche i benefici sono notevoli.

La cosa importante è stabilire le prioritá e poi farsi consigliare da esperti, confrontando le diverse opzioni. Il viaggio può essere lungo e pieno di insidie e durante i lavori possono sorgere dubbi o ripensamenti dell’ultimo minuto a cui bisogna dare una pronta risposta.

In Costa del Sol la stagione giusta per ristrutturare è adesso, fino alla primavera, perché poi l’estate vale la pena godersela! Abbiamo chiesto a Panda Construcciones, un’azienda nuova, ma formata da professionisti con esperienza concreta maturata nei diversi ambiti della costruzione (progettazione, elettrico, idraulico, decorativo, ecc.) quali aspetti sia prioritario considerare per ristrutturare la casa senza problemi.

L’impianto di riscaldamento o di aria condizionata

Si dà per scontato che la casa debba essere calda d’inverno e fresca d’estate. Riscaldare o raffreddare un ambiente significa innanzitutto fare una scelta tecnologica di cui valutare la fattibilità, il costo e l’efficacia. A Marbella e in generale in Costa del Sol è diffuso l’uso della pompa di calore/freddo, ma occhio alla scelta della tecnologia, che deve essere a risparmio energetico se non vogliamo metterci le mani nei capelli quando arriva la bolletta. Per il riscaldamento si può optare anche per un impianto radiante a pavimento, ma dobbiamo esser certi che ci sia sufficiente spazio tra sa soletta e il piano di calpestio: se non c’è spazio sufficiente, anche il migliore degli impianti ci deluderà. Non dimentichiamoci infine che occorre isolare bene le pareti, altrimenti il calore o il fresco si disperderanno molto più velocemente.

Il pavimento

Scegliere il giusto pavimento è fondamentale, perché sarà l’elemento chiave per determinare lo stile e l’atmosfera di casa. Ma cosa scegliere? Marmo, parquet, gres porcellanato, resine? Non si tratta solo di una questione di gusto, ma anche di accorgimenti tecnici. Il pavimento va posato infatti su un sottofondo specifico: non è la stessa cosa stendere una pellicola di resina decorativa (sottile pochi millimetri) che una lastra di marmo, che in alcuni casi può arrivare anche a tre centimetri di spessore: occorre dunque preparare bene il sottofondo adatto per ogni opzione.

L‘illuminazione

Non si tratta solo di rendere la casa più bella, ma anche aumentare la sensazione di benessere. In fase di ristrutturazione bisogna essere molto precisi nello stabilire i punti luce, dove vanno i lampadari, i faretti, le applique, le luci di atmosfera. Per fare un esempio concreto, se state pensando ai faretti incassati nel controsoffitto, in fase di ristrutturazione bisogna prevedere uno schema di posizionamento e non un solo punto luce. Per tanto occorre giocare d’anticipo e parlare con l’elettricista prima di realizzare il controsoffitto e le parte, perché altrimenti l’effetto potrebbe differire da quello desiderato.

I sanitari

Attenzione, perché spesso nella ristrutturazione dei bagni si sottovalutano il posizionamento degli scarichi, pensando erroneamente che tutti i sanitari si adattano allo stesso scarico. Non è la stessa cosa prevedere un WC con la cassetta esterna oppure incassata nella parete, oppure addirittura prevedere sanitari sospesi senza pensare che in questo caso lo scarico sarà posizionato nelle pareti e non nel pavimento. Non si tratta solo di una scelta estetica o di gusto, dato che in bagni molto piccoli si possono risparmiare fino a 15 cm di spazio che spesso fanno la differenza.

Finiture e rivestimenti pareti

Spesso si tralascia la finitura delle pareti perché si pensa che sia un dettaglio che si può decidere all’ultimo minuto: non è sempre così, perché per applicare alcune finiture bisogna predisporre prima di una base adeguata. Se poi volete rivestire una parete in pietra o con altri materiali, non ha senso predisporla per la pittura (evitando così che lievitino i costi). Se l’appartamento è molto datato, è possibile che le pareti siano state rinfrescate più volte o vi siano state attaccate carte da parati con diversi residui di colla. In questo caso una delle prime cose da fare durante la ristrutturazione è proprio quello di trattare e pulire le pareti per renderle pronte ad essere colorate o decorate a piacimento.

In qualsiasi caso è opportuno che il preventivo sia dettagliato, che confrontiate lo stesso prodotto tra piú fornitori e che la ditta prescelta abbia un rapporto fluido coi fornitori, diversamente si accumuleranno ritardi nelle consegne delle diverse partite e si scombinerà il programma dei lavori.

Se volete chiedere un parere o un preventivo, lo staff tecnico di Panda Construcciones sarà in grado di farlo senza impegno. In bocca al lupo per la vostra nuova casa!

Web: www.pandaconstrucciones.es
Mail: info@pandaconstrucciones.es
Indirizzo: Crta. Nacional 340, km 195,5 Marbella – Málaga 29600
Telefono: +34 952 839 012

Rispondi