Intervista con Khalil El-Mouelhy, presidente e fondatore dei Seven Stars Luxury Hospitality and Lifestyle Awards

Si è da poco conclusa con successo la quarta edizione dei prestigiosi Seven Stars Luxury Hospitality and Lifestyle Awards nella idilliaca cornice del Villa Padierna Palace Hotel, dove abbiamo avuto il piacere di partecipare alla cena di gala e alla cerimonia di premiazione. Calati i riflettori su questa edizione, abbiamo intervistato il presidente e fondatore Khalil El-Mouelhy.

Come è nata l’idea dei Luxury Hospitality and Lifestyle Awards?
L’idea nasce dall’obiettivo che ci siamo posti sin dall’inizio: separare l’eccezionale dall’ottimo. Un obiettivo che realizziamo assegnando il SIGNUM VIRTUTIS, il segno che identifica l’eccellenza nel settore dell’Hospitality e Lifestyle in tutto il mondo. Siamo orgogliosi della nostra trasparenza, indipendenza e del nostro sistema di votazione, che viene monitorato in ogni istante per fare in modo che non sia possibile votare più volte per la stessa struttura o creare dei finti profili online. Non siamo quindi una agenzia di rating e non assegniamo nessun titolo di Hotel o Resort a sette stelle. Preferiamo invece premiare l’eccezionalità attraverso il nostro SIGNUM VIRTUTIS.

Quante strutture possono ambire a questo riconoscimento?
Molto poche al mondo. Tra le numerosissime nomination divise per categorie, assegniamo solamente pochi SIGNUM VIRTUTIS e verifichiamo che ogni anno le strutture che lo hanno ricevuto conservino le eccellenze, in caso contrario togliamo il riconoscimento. Sia gli operatori che i clienti hanno dunque la certezza che possono esibire il nostro premio solo il “very best” del settore dell’ospitalità e lifestyle mondiale.

Per la quarta edizione degli Awards siete tornati a Marbella: perché il motivo di questa scelta?
Marbella, che ha da poco cambiato la sua strategia promozionale proponendosi come un destino a cinque stelle, rappresenta una delle punte di diamante del settore dell’ospitalità e del lifestyle in Spagna. Grazie alla vicinanza dell’aeroporto di Malaga è ben collegata e dato che i premiati arrivano da ogni parte del mondo questo è un aspetto molto importante. Sono davvero lieto infine di tornare all’interno della splendida cornice del Villa Padierna Palace, un hotel in cui lusso, accoglienza e glamour si fondono in una esperienza unica che ispira serenità e bellezza.

Progetti per il futuro?
Stiamo vivendo una fase di grande consolidamento, ma abbiamo già molte idee per il futuro, tra cui ritornare presto a Marbella, ma al momento non posso sbilanciarmi. Mi ha fatto molto piacere conoscere tanti professionisti qui a Marbella, anche del mondo della comunicazione come ViviMarbella, e spero che dalla collaborazione con tutti loro possano nascere ulteriori iniziative proprio in Costa del Sol.

Rispondi