Il settore agroalimentare “Made in Malaga” va a gonfie vele

aceiteI prodotti agroalimentari, insieme al settore turistico e di servizi, sono forse il fiore all’occhiello delle esportazioni della provincia di Malaga.

Oggi la Agencia Andaluza de Promoción Exterior (Extenda) ha comunicato, all’interno della Fiera Anuga che si svolge a Colonia in Germania, che nei primi sette mesi di quest’anno il miglioramento nel commercio estero del settore agroalimentare è stato del 8,3% (per un totale di 316,7 milioni di euro).

Ecco nel dettaglio i dati per settore, dove si evince che quello ortofrutticolo è il settore trainante (e se volete aprire un negozio di frutta e verdura a Marbella abbiamo una buona opportunità da segnalarvi!).

“Por productos, lideran las ventas los hortofrutícolas con 113,5 millones de euros, cantidad que representa el 35,9 por ciento del total y un alza de más del 20 por ciento. Le siguen los productos cárnicos, con 82,6 millones de euros; el aceite de oliva, con 74,1; las bebidas alcohólicas, con 15,8, el cinco por ciento del total y un alza del 247,5 por ciento con relación al mismo periodo de 2012. Le siguen, los productos de panadería, con diez millones; los lácteos, con 7,5, y los pescados y mariscos, con 3,6, así como vinos, con 2,6 millones”

I paesi in cui si esporta di più sono nell’ordine Francia, Portogallo, Germania, Cina e Russia. Il mercato interno continua ad essere molto importante, ma oggi gli imprenditori andalusi o italiani che vogliono fare business devono essere disposti ad internazionalizzare la propria azienda.

Rispondi